369_Serie. Salvare i Salvatori

Monday, 07 February 2022 03:51

024_369 Il cambiamento come base per ri-creazione

Written by

Sczrica: |pdf| |doc| |epub| |fb2| |illustrazioni|

 

 

Il parassitismo è un tipo di coesistenza di organismi. Un fenomeno in cui due o più organismi non correlati, filogeneticamente, geneticamente dissimili - coesistono per un lungo periodo di tempo e si trovano in una relazione antagonista.

Noi esseri umani oggi abbiamo una nuova realtà sulla quale dobbiamo prendere decisioni coordinate. Per chiarire di cosa stiamo parlando, è opportuno ricordare alcuni assiomi comuni del "lavoro con il paziente", espressi in modo sistemico, perché questi assiomi comunemente conosciuti possono essere sostituiti nei prossimi anni da altri, che sono OGGI INACCETTABILI per tutta la comunità umana. Quali? Cercherò di discutere la questione del futuro delle persone dal punto di vista della mia comprensione di ciò che sta accadendo e della mia esperienza di vita sia in politica, che in psicologia e nella cosiddetta scienza politica che ha sostituito la filosofia. Pertanto, ci possono essere considerazioni nel testo che non sono familiari e persino inaspettate per alcuni lettori, per coloro che non hanno ancora conoscenza della serie di articoli 369.

Tutti noi siamo venuti in questo mondo, severo e ANCORA SCONOSCIUTO, per trovare il nostro posto in esso, per realizzare il nostro obiettivo ed esprimere le nostre capacità, capendo col tempo che vogliamo costruire la nostra vita in modo da essere felici in essa secondo la nostra idea di felicità, capendo che per questo dovremmo cambiare questo mondo in qualche modo per raggiungere la felicità nella vita. Ma ognuno capisce la felicità a modo suo. "Il mistero dell'esistenza umana non sta solo nel vivere, ma per cosa vivere. Senza una solida idea per cosa vivere, un uomo non accetta la vita e preferisce morire piuttosto che rimanere sulla terra, anche se tutto intorno a lui ci sono pani. Questo è stato detto da F. M. Dostoevskij. E i buddisti credono che la vita trovi la felicità se ci si libera dei desideri. Ma se la vita è la ricerca del bene, una vita senza desideri è in teoria impossibile. Semplicemente NON POTEVA passare la selezione evolutiva. La società ha bisogno di un esempio: un supereroe e un supercattivo. L'altro ieri, Dio era il primo e Satana il secondo.

Come modello per la società c'erano i santi con i loro profeti e miracolati. In quella società, i giovani sognavano di fare una crociata per liberare il Santo Sepolcro, e le ragazze sognavano di diventare spose di Cristo - suore - e di trovare la felicità in questo. Ieri, il ruolo del supereroe era interpretato dall'idea di uguaglianza e fraternità, mentre il supercattivo era l'immagine dello sfruttatore del lavoro. I protagonisti della società erano dei combattenti per la felicità delle persone. I giovani di allora sognavano di volare nello spazio e di colonizzare Marte. Oggi, quando l'idea non c'è più E LA COSA È TUTTO CIÒ VOGLIAMO, il ruolo di Dio si fa Jackpot.

Il supereroe è Batman e il supercattivo è Joker. Il livello di eroismo dei protagonisti è nel quadro della vita quotidiana. Questo è anche il quadro in cui si concepisce la felicità. Un animale si accontenta della vita in sazietà, ben calduccio, sicurezza e comodità e non aspira a nient'altro. Un essere umano è più complicato. Gode dei piaceri semplici con piacere ed eccesso, se prima ha vissuto fortemente la mancanza di beni di base. Quando li raggiunge, è esagera. Ma una volta raggiunto il limite, il cibo (in senso ampio) non ci sta più. Il cibo non porta più gioia. E più una persona è intelligente, più sente l'assurdo di dedicare la sua vita alla nutrizione. Gli viene addosso una sensazione di vuoto e di assurdità. Le statistiche dicono che il tasso di depressione è più alto tra le persone ricche. NON È COLPA DELLE persone se il sistema ha fatto e continua fare tramite loro dei tubi attraverso i quali scorrono le merci. Né è colpa del Sistema, perché si sentiva bene con se stesso quando il consumismo era in costante aumento. Il sistema non aveva bisogno di persone tanto quanto di consumatori. Il Sistema senza dubbio è più costante dell'uomo. Il sistema gli ha trasmesso giorno e notte che la cosa principale nella vita è consumare il più possibile. Questo è il senso della felicità. Come una goccia affila una pietra, così queste attitudini modellano la coscienza. Così il consumo diventa un'idea fissa - una religione e un altare su cui si depone tutto se stessi, il tempo e i talenti. Ma come ha detto Roger Walsh1 su questo argomento: "Se si sale la scala del successo per avere la felicità, si sarà sorpresi di vedere alla fine che la scala era al muro sbagliato". Nel Medioevo un'immagine di felicità completa per un contadino era rappresentata dal possesso di una mucca, dal calore in una casetta e dall'essere al lavoro leggero di un signore. Oggi crediamo che la felicità sia l'ultimo modello di telefono e gli accessori (uomini e donne hanno il loro assortimento di accessori).

Ognuno sul pianeta si avvicina al concetto di felicità in modo diverso. Per alcuni, un raggio di sole che esce dalle nuvole scure solleva il loro spirito e crea quella sensazione. Altri hanno bisogno di realizzare più di un obiettivo nella vita per raggiungere la completa soddisfazione. Ma in un modo o nell'altro, un tale sentimento è una necessità nel proprio destino.

Per raggiungere questa emozione, facciamo tutto il possibile. Ma i desideri delle persone dipendono dal livello di educazione e di istruzione. La ricerca della felicità di alcune persone si limita al raggiungimento di alcuni valori materiali. E per alcune persone la ricchezza spirituale e tutto ciò che vi è collegato sono i desideri più importanti. Ognuno dovrebbe decidere da solo quale strada scegliere. A volte, durante la vita, un uomo raccoglie nuove esperienze, diventa più saggio e cambia obiettivo. Di conseguenza la sua comprensione della felicità cambia. Questo era nella vecchia realtà, la cui comprensione apre la porta della conoscenza alla realtà di oggi.

1La vecchia realtà era quella di lavorare con il "paziente" come essere umano, essendo la misura di tutte le cose e il più alto valore sulla terra. Questo generò un umanesimo di altissimo livello, obbligando a proteggere la persona che aveva sofferto le difficoltà e le ingiustizie delle circostanze della vita.

Prima o poi un uomo si porrà la domanda: qual è lo scopo della sua vita? E risponderà da solo - per essere felice! Ma questo richiede punti di riferimento per cambiare qualcosa nella nuova realtà...

Lo scopo del lavoro con l'individuo era di proteggerlo, di adattarlo alla vita reale, di co-progettare la sua strategia di vita sulla via della cosiddetta felicità. Il punto di riferimento degli insegnanti, secondo loro, era la moralità, l'etica e le norme giuridiche, che il paziente doveva ripristinare nel suo comportamento. Il paziente padroneggiava l'autocontrollo assimilando norme di comportamento sicuro. Il paziente è stato amato e gli è stato insegnato ad amare altre persone. Gli "insegnanti" risolvevano problemi più complicati, insegnando al paziente l'autoregolazione, senza la quale la persona psicologicamente indebolita e confusa NON HA ABBASTANZA energia e forza per rispettare le norme di comportamento. Allo stesso tempo il paziente veniva volutamente riportato alla performance del comportamento come soggetto del processo, o, se volete, una sorta di gioco, conoscenza, comunicazione, lavoro. In questo processo recuperava le sue funzioni mentali superiori indebolite: attenzione volontaria, memoria, pensiero, voglia, ecc. Tutto questo era in linea con il Programma del Partito Comunista dell'Unione Sovietica approvato al Dodicesimo Congresso - "Tutto in nome dell'uomo, per il bene dell'uomo". È così che è stato realizzato uno degli elementi dello sviluppo del genotipo necessario del Cervello con certi parametri nel tempo attuale di risoluzione dei problemi urgenti.

Il compito di livello superiore era che il paziente trovasse la sua "vocazione" - ciò che credeva dal suo fraintendimento di ciò che stava accadendo per essere utile alle persone, alla società, al mondo. A questo scopo veniva ripristinata la fede del paziente in alcuni valori che gli permettevano di liberarsi delle sue dipendenze (alcool, droghe, giochi, computer, ecc.). Avendo abbandonato le sue dipendenze, il paziente passava in modalità di autogestione, guadagnando la capacità di raggiungere l'apice della sua vocazione. Così il paziente diventava utile alla gente, il che lo sollevava automaticamente dalla solitudine, dall'isolamento e dalla percezione di inutilità. Ma il compito più difficile era convincere il paziente che AVEVA UN'APPLICAZIONE UNICA - la capacità di mostrare alle persone e al mondo qualcosa che non avevano mai visto, capito o potuto fare prima. Poteva, e spesso lo fece, diventare un individuo che vedeva pericoli e opportunità ben oltre l'orizzonte della visione e della comprensione della maggior parte delle persone. Tra coloro che venivano a chiedere aiuto agli 'insegnanti', che si chiamavano psicoterapeuti, c'era una percentuale molto alta di tali individui, ma per fare questo era necessario RITORNARE nel MODO dell'autoeducazione, della proiezione della propria personalità e della propria vita. Questo è stato implementato nel quadro di tutti gli stessi programmi di creazione di genotipi del cervello dal vecchio Sistema di Gestione.

Questo è un breve riassunto di ciò che è stato fatto PRIMA DELL'AVVENTO della globalizzazione come penultima e ultima fase del funzionamento del Sistema di Gestione Interventista. La globalizzazione è l'apertura delle frontiere statali in tutti i paesi del mondo, la formazione di un "mondo senza frontiere" globale per la libera circolazione di: 1) denaro, 2) merci, 3) informazioni e 4) masse di persone. Si spostano, sorpassando le frontiere geografiche e nazionali, creando le condizioni per ogni tipo di epidemia: medica, psicologica, sociale, informativa, ecc. Tutti i paesi che hanno accettato le decisioni di Bretton Woods di sostituire l'oro nel commercio internazionale con il dollaro e di commerciare il petrolio solo in dollari, NON POSSONO chiudere le loro frontiere per evitare pesanti sanzioni. Né si possono chiudere le frontiere perché le tecnologie informatiche, finanziarie, sociali, politiche non possono essere "rimesse nella testa" dei loro creatori - hanno preso vita propria, organizzando la dipendenza totale delle persone. Questo ha portato al fatto che ora è difficile affermare chi controlla chi: le persone dalle macchine o le macchine dalle persone? Per essere più chiari, cosa succederebbe se oggi SPEGNESSIMO TUTTI i computer e i motori? Questo arresto è paragonabile alla collisione della Terra con la cometa di Halley. È catastrofico. Per quanto inopportuno possa sembrare, vale la pena fare un rapido elenco dei principi ufficiali, ampiamente sottoscritti, del Consenso di Washington che ha così trasformato il mondo e la vita delle persone alla fine del ventesimo secolo, denominato comunemente "globalizzazione". La globalizzazione è la realizzazione elettronica di una dozzina di principi del Washington Consensus nel quadro dei vecchi programmi. Eccoli qui.

  1. Liberismo commerciale. Le tariffe dovrebbero essere minime e non dovrebbero essere imposte sui beni che contribuiscono alle esportazioni.
  2. Promozione degli investimenti diretti esteri. Si dovrebbero approvare politiche per incoraggiare e attirare il capitale e le conoscenze tecnologiche.
  3. Stringere la disciplina fiscale(assicurando le eccedenze, di solito riducendo le spese di bilancio).
  4. Disciplina fiscale. Deficit di bilancio grandi e permanenti generano inflazione e deflussi di capitale. Il governo dovrebbe ridurre al minimo questi deficit.
  5. Ridurre le sovvenzioni. I sussidi alle imprese dovrebbero essere ridotti al minimo. Il governo dovrebbe spendere soldi solo per l'istruzione, la sanità e le infrastrutture.
  6. Riforma fiscale (per renderla più trasparente). La sfera della tassazione nella società dovrebbe essere ampia, ma le aliquote fiscali dovrebbero essere moderate.
  7. Liberalizzazione dei sistemi finanziari (verso una maggiore apertura). I tassi di interesse dovrebbero essere determinati dai mercati finanziari nazionali. L'interesse offerto ai depositanti dovrebbe incoraggiare i loro depositi nelle banche e scoraggiare la fuga di capitali.
  8. Tassi di cambio concorrenti. I paesi in via di sviluppo devono adottare tassi di cambio che aiutino le esportazioni rendendo i prezzi all'esportazione più competitivi.
  9. La privatizzazione delle imprese STATALI DOVREBBE ESSERE fortemente incoraggiata. Le imprese private dovrebbero essere rese più efficienti perché i manager hanno un interesse personale a una maggiore produttività.
  10. Deregolamentare la vita economica. L'eccessiva regolamentazione del governo genera solo corruzione e discriminazione contro i subappaltatori che non possono sfondare nei ranghi più alti della burocrazia. La regolamentazione dell'industria deve essere eliminata.
  11. Protezione dei diritti di proprietà(compresi quelli del capitale straniero). Questi diritti devono essere garantiti e rafforzati. Un quadro giuridico debole e un sistema giuridico inefficace riducono gli incentivi ad accumulare e accumulare ricchezza.

Non dobbiamo addentrarci nello sfondo economico e politico di questi principi, ma guardare i REALI CAMBIAMENTI nella vita che ne derivano. Questi cambiamenti hanno creato nuovi e moderni "clienti" e "pazienti" per gli "insegnanti".

L'apertura di un "mondo senza frontiere" grazie ai principi del Washington Consensus ha portato l'individuo come soggetto nelle condizioni con tante scoperte scienzifiche e scoperte della civiltà (la sua posizione della vita è cambiata); i cambiamenti nella scienza e nella religione hanno creato nuove condizioni per l'uomo come l’individuo (il suo stile di vita è cambiato); i cambiamenti nella scienza e nella cultura hanno creato nuove condizioni nell’ attività per l'individuo ( il suo punto di vista sul mondo è cambiato); e i cambiamenti nella cultura e nella religione hanno creato nuove possibilità per l’individuo (la sua visione del mondo è cambiato). Alcuni di questi cambiamenti sono presentati in forma semplificata nella tabella 1.

Tabella 1. La globalizzazione che ha formato l'attuale generazione di persone

table 1

Oggi sappiamo tutto questo - il mondo è cambiato, la gente si è trovata in un ambiente socio-economico e culturale-politico completamente nuovo. Poche persone capiscono o sanno perché il mondo è cambiato in questo modo. La maggior parte delle persone si è adattata con successo a questo ambiente cambiato - si divertono a viaggiare per il mondo, ad assaggiare i frutti e le cucine inedite del mondo, a prendere il sole sulle spiagge dei mari tropicali prima inaccessibili, SMETTENDO DI LEGGERE I LIBRI e dimenticando delle loro tradizioni ancestrali. La globalizzazione ha un lato attraente che, come la pubblicità dei cambiamenti, protegge dalla sua comprensione e dalla sua critica. Non tutti hanno letto libri come "Dottrina dello Shock" di Naomi Klein2, che descrive il LATO INFRUTTO della globalizzazione, di cui alcune manifestazioni sono mostrate nella Tabella 1.

3Nel suo libro, Naomi Klein nota che "per tre decenni Friedman e i suoi influenti seguaci hanno affinato esattamente questa strategia: aspettare una crisi profonda, poi svendere i rottami dello stato a giocatori privati mentre i cittadini si stanno ancora riprendendo dallo shock, e poi rendere rapidamente queste 'riforme' stabili. Cita l'apologeta della globalizzazione Thomas Friedman3: "...solo una crisi - vera o immaginaria - porta a un vero cambiamento. Quando si verifica una tale crisi, le azioni delle persone dipendono dalle loro impressioni. E qui, credo, risiede la nostra funzione primaria: creare alternative alle strategie esistenti, mantenerle praticabili e accessibili fino a quando l'impossibile politicamente diventa politicamente inevitabile. Friedman ha previsto che "la velocità, la repentinità e la scala dei cambiamenti economici susciteranno una reazione psicologica da parte della popolazione che 'faciliterà l'insediamento'. Pure ha inventato il nome di questa tattica dolorosa: " choc terapia " economica, che è stata utilizzata al massimo nei nostri territori come parte dell'ultima fase del vecchio Sistema di Gestione, che NON È STATA realizzata. Do una correzione significativa, che non è stato lui a perfezionare, scrivere e inventare, ma attraverso di lui è stato tutto servito e attuato esattamente come è stato pianificato al di là della comprensione della gente e non dalla gente.

Oggi tutto è già avvenuto secondo il vecchio progetto: le frontiere sono state aperte, sono stati privatizzati gli strumenti di produzione e la terra, il che significa che l'uomo, come soggetto, come persona, come individuo, come identità, è diventato completamente diverso. Si potrebbe pensare che un prodotto collaterale della globalizzazione sia stato un cambiamento nella psicologia delle persone. Ma questo NON È COSÌ, proprio il cambiamento nella psicologia umana è stato l'obiettivo principale della globalizzazione, come parte della fine del programma dei Genotipi del Cervello. Silenziosamente è successo che la maggior parte degli studenti universitari non sanno chi sia Victor Hugo o Balzac, non hanno letto "Padre Sergio" o "Kreutzer Sonata", ed è imbarazzante anche solo chiedere di Irwin Shaw o Iris Murdoch.

4La pedagogia è scomparsa, ha vinto il positivismo di Comte4, che in modo molto convincente ha espulso le materie umanistiche dall'educazione, e con esse i principi morali, come "categorie non scientifiche", perché non possono essere contate in chilogrammi e metri. In quali unità si può contare la coscienza, l'onore, il senso del dovere, l'amore di una persona? Non esistono e NON POSSONO esistere tali unità. Ma la cosa più importante NON È QUESTO. La globalizzazione è solo uno strumento che libera il campo per la post-globalizzazione che è stata l'ultima scala nei programmi di creazione del genotipo del Cervello e che oggi, nella nostra realtà, si manifesta come l'auto-motorizzazione dai programmi applicati del Vecchio Sistema di Gestione. Questo ciò che è più importante per capire oggi, cosa sta succedendo.

Molti notano che il movimento anti-globalizzazione, contro il quale migliaia di poliziotti e soldati difendevano le riunioni del "6", si è tranquillamente "dissipato". Non ci sono proteste anti-globalizzazione perché la globalizzazione è finita da dieci anni. Proprio come è finita la monarchia in Russia, e poi il socialismo. La globalizzazione ha compiuto la sua missione, da un lato, creando un mondo senza frontiere, attraverso il quale si sono riversati flussi incontrollabili di informazioni, denaro, merci a basso costo, masse di migranti e turisti. L'uomo è letteralmente inondato di informazioni, incontri con persone, merci, opportunità di ottenere denaro e tutto ciò che non avrebbe mai sognato nella sua vita semplice e ordinata prima della globalizzazione. È successo quello che doveva succedere. Ne siamo testimoni e vi prendiamo parte. D'altra parte, le enormi masse di persone altamente istruite e altamente qualificate in Russia si sono rivelate inutilizzate, INUTILI, perché la produzione ad alta tecnologia di turbine, motori diesel, materiali per l'industria missilistica e spaziale è stata fermata, svenduta, escludendo così dalla vita del paese la creatività scientifica e tecnica e le persone con talenti eccezionali e una brillante educazione. Gravemente traumatizzati mentalmente, hanno trovato la forza di diventare commercianti, meccanici d'auto, e... potenziali clienti dei "maestri" che stavano elaborando l'ultima fase di un dato progetto all'interno del Vecchio Sistema di Gestione.

Una piccola illustrazione di questo è l'assioma che ci è stato infuso per decenni: "Nella competizione economica, vince sempre il paese in cui vive e lavora più gente". Questa idea è stata imputata attraverso le persone e ha costituito la base del concetto di valore aggiunto, ed è che solo il lavoro delle persone (nella piena portata del "lavoro" in opposizione al "impegno" crea valore aggiunto, il che significa che più persone lavorano, più valore aggiunto, cioè ricchezza, è prodotto e speso da tutto il paese. Su questa affermazione perfettamente logica, nel quadro dell'imputato, si COSTRUISCE oggi il FONDAMENTALE del sistema economico moderno. Si basa sulle persone - i lavoratori, i produttori.

Gli "insegnanti" avevano la loro interpretazione della "gente che lavora e produce" - solo nel lavoro si formano le funzioni mentali superiori delle persone: ragionamento, memoria, attenzione, volontà, percezione, linguaggio, ecc.

Le persone che abbandonano il processo lavorativo degenerano automaticamente a livello mentale, perché in nessun'altra attività si sviluppano funzioni mentali superiori. E questa è una strada dritta verso uno psicologo, uno psicoterapeuta e, peggio ancora, uno psichiatra o un investigatore.

5

Torniamo con voi al cosiddetto tempo dell’inizio della “perestroika", o meglio, all'inizio della realizzazione della fase finale del piano di EBRI. Qui è importante capire la percezione della gente sulla fine del compimento dei programmi del Vecchio Sistema e l'inizio della gestione del Nuovo Sistema. È la percezione della gente di ciò che sta accadendo. Come risultato, più di un quarto di secolo dopo l'inizio della perestroika, la produzione è quasi nulla, il capitale fisso è molto ridotto, molte delle nostre città, paesi e villaggi sono al limite dell'esistenza civile. Ed ecco l'apice ideologico del mondo post-industriale: non importa a nessuno. Negli anni '90 abbiamo ripetutamente paragonato le perdite di produzione industriale della Russia ai momenti più catastrofici della storia. Poi abbiamo detto che al fondo della sua caduta, la Russia ha perso più (del 55%) degli Stati Uniti durante la Grande Depressione (30%) e che è abbastanza paragonabile alle perdite durante la guerra civile (70%).

Ma questa è una dichiarazione. E come si vive in queste condizioni? E devono vivere oggi in un mondo completamente nuovo che non gli è abituale come la foresta tropicale per gli orsi polari. Sulle spalle della cosiddetta globalizzazione nella vita della gente prorompe la post-globalizzazione , di cui ho già parlato come l'ultima tappa che non è stata completata, del Programma dei genotipi del Cervello, che era quasi impossibile da combattere, come una cascata d'acqua che rompe una diga. Il Sistema ha fatto tutto questo attraverso la specificità della funzionalità del Cervello, condividendo tutto solo attraverso il prisma del compito di creare genotipi del Cervello.

6

Su questa base sono stati costruiti tutti i processi gestiti esecutivamente. La post-globalizzazione ha avuto il compito principale della storia moderna: CAMBIARE RADICALMENTE LE PERSONE in modo che dimentichino tutto ciò che era prima della post-globalizzazione e tollerino la nuova idea di se stessi, e poi anche la nuova vita nel nuovo mondo. Prima di tutto, sono state cancellate le conoscenze umanitarie e le idee umanitarie sugli esseri umani. L'essere umano doveva diventare, come risultato della post-globalizzazione, un oggetto paragonabile agli oggetti tecnici da regolare e trattare allo stesso modo come i sistemi tecnici complessi, che avevano già superato l'orizzonte dell'immaginazione più sfrenata della maggior parte delle persone. Davanti ai nostri occhi, la post-globalizzazione ha cambiato intenzionalmente le persone destinate ad essere adeguate al nuovo ambiente del pianeta.

Tabella 2. La post-globalizzazione che forma l'attuale condizione umana

table 2

La tabella 2. mostra alcune delle idee post-globalizzazione che sono già state messe in pratica per cambiare le persone. Quello che ci troviamo a dover affrontare oggi e che non riusciamo a capire è il perché sia così. Questa è la cosiddetta auto-motilità del vecchio Sistema, che dobbiamo attraversare senza perdere la nostra umanità. La cosa principale è che i cambiamenti più radicali stanno avvenendo oggi con l'uomo, con la gente e con la società. Mentre il vecchio Sistema dirottava l'attenzione delle persone sul cambiamento dell'ambiente esterno, materiale, all'uomo fu dato un posto molto diverso nella vita e nella società rispetto a quello a cui siamo abituati. Cosa significa tutto questo?

Innanzitutto, il numero di persone è diventato enormemente grande, circa otto miliardi, che è vicino al limite calcolato dall'accademico S. Kapitsa. Ci sono più persone che risorse per la vita: acqua, cibo, spazio per vivere comodamente, impegni, anche il sole e l'aria, lavoro e occupazione. Un precursore di opinioni simili fu l'economista inglese Thomas Malthus, che tentò di spiegare i modelli di fertilità, matrimoni, mortalità e della struttura socio-demografica della popolazione mondiale in base a fattori biologici. Le idee di Malthus sono utilizzate anche in altre scienze, tra cui la teoria dell' economia e l'economia della politica, e sono state in qualche modo trasformate nell'idea di post-globalizzazione ( nel periodo della transizione di oggi). Nell'ultima fase del vecchio Sistema, gli esseri umani impercettibilmente cessano di essere il valore più alto, perché dal punto di vista della post-globalizzazione, ridurre della metà o del triplo l'umanità non peggiorerà nulla sul pianeta, ma lo migliorerà solo dal punto di vista economico, ambientale e sociale. Questo spiega perché i popoli sono stati sterminati spietatamente, senza alcun rimpianto, in guerre locali, ibride, terroristiche, di droga, e il dispiacere della comunità mondiale per la perdita di masse di persone è diventato una formalità con le cerimonie ipocrite, come le riunioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che ancora oggi CONTINUA DI ESSERE nella nostra realtà. È ricomparso di nuovo lo spettro del fenomeno delle "persone inutili, non necessarie", che non hanno niente da fare, niente da nutrirsi, da cui anche le élite - quelle che si trovano tra le "persone necessarie" - hanno bisogno di difendersi. Cosa dobbiamo fare, noi che cerchiamo con tutti i metodi disponibili di ripristinare la psiche di una persona che non serve all'economia come un "parassita sociale", che appesantisce la società con la sua presenza invadente, con cui la politica non sa cosa fare? Questa è la domanda numero uno.

Poi un'altra domanda, nell'ambito della post-globalizzazione (il periodo di transizione di oggi), si è improvvisamente scoperto che per secoli gli sforzi medici, farmaceutici e di assistenza sociale verso la creazione dell'essere umano perfetto non hanno dato nulla. Si scopre che il corpo umano è composto da ORGANI ESTREMAMENTE NON SICURI, che si guastano costantemente e il loro trattamento-recupero è così costoso che il costo è molte volte superiore al guadagno che si può ottenere da un essere umano guarito. Tutti questi organi inaffidabili, come credono coloro che si considerano " sorveglianti ", presumibilmente garantiscono solo il funzionamento del Cervello Umano, richiedendo per il loro mantenimento tali risorse che non sono disponibili sul pianeta. L'uomo si è rivelato una macchina eccezionalmente poco economica e poco tecnologica. A quanto pare, è così che è emersa l'idea della post-globalizzazione, secondo la quale è necessario separare il Cervello di cui la società ha bisogno, e dotarlo di dispositivi tecnici più economici e affidabili. Questo pensiero discende da un controllo (rappresentato dal genotipo di livello superiore 441), ma non più controllato dal Sistema e non più collegato informaticamente ad esso. Questa non è un'idea letteraria dello scrittore Alexander Belyaev, ma la pratica reale di oggi - esiste uno sviluppo in corso di "una neuro-interfaccia, con l'aiuto della quale un cervello umano può gestire un corpo artificiale, esercitare il controllo motorio e avere cinque tipi di sensazioni", "Controllo motorio e cinque sensazioni per un corpo artificiale (protesi) di una persona" è in fase di discussione.

I temi degli istituti scientifici che lavorano in questa direzione sono i seguenti: " Il secolo delle neuroscienze". Dalle neuroprotesi all'emulazione completa del cervello e Avatar B", "Il cervello vivente in un corpo artificiale". Questi sono progetti reali.

Le domande poste sono abbastanza tecnologicamente raggiungibili entro il 2045:

  • Questo corpo biologico dà al cervello qualcosa di cui non può assolutamente fare a meno? Quali altri legami ha il cervello e il corpo in comune?
  • Di cosa ha bisogno il Cervello vivente per vivere e funzionare separatamente dal corpo biologico?
  • Come può il cervello, estratto da un corpo che sta invecchiando, essere mantenuto funzionale sostituendolo con un corpo interamente artificiale?

A queste domande si deve rispondere già oggi, nel quadro delle Nuove Conoscenze apprese sia sul cervello che sull'uomo stesso. Non è la cosiddetta "post-globalizzazione" che creerà il nuovo Uomo perfetto che né la scienza, né la storia, né la letteratura fantastica conoscono, ma questo Uomo si sta già creando e si sta creando dal Nuovo Sistema di Gestione, proprio come era inizialmente 18.000 anni fa.

8La terza questione è che l'idea "buttata dentro" dell'"avatar umano" sta gradualmente, come la intendiamo oggi, abolendo tutte le norme conosciute di morale, etica e diritto. QUESTO SPIEGA il rapido progresso della rivoluzione sessuale, il sistema di giustizia minorile, che sta distruggendo l'istituzione della famiglia, il matrimonio e le relazioni naturali tra uomini, donne e bambini. Allo stesso modo, tutto il sistema educativo sta cambiando radicalmente, il che è riuscito a far sì che i medagliati d'oro NON SAPPIANO chi sia N. V. Gogol, non capiscono nemmeno A. S. Pushkin, pensano che W. Hugo sia un giocatore di calcio, ma sono abili a toccare gli schermi dei navigatori, dei tablet - di quello che molto presto sarà nei loro corpi e controllerà prima il loro comportamento e poi il loro Cervello. Sembrano essere d'accordo anche su questo, perché non sanno verso cosa si orientano gli "insegnanti ritardati" quando lavorano con i loro "pazienti". La questione delle norme e dell'infrazione delle norme si presenta in tutta la sua forza. A quali norme deve essere indirizzato il "paziente" confuso, se quello che ieri era un sacrilegio è diventato benvenuto, l'incredibile è diventato una semplice pratica quotidiana? Cosa c'è da temere, cosa c'è da vergognarsi, cosa c'è da condannare nei tempi di oggi? L'idea principale buttata lì è banalmente semplice: "Libertà, e nient'altro che libertà", è come Lenin: "Terra ai contadini, fabbriche agli operai" - "Tutto ciò che non è vietato dalla legge è permesso!" La domanda per gli "insegnanti" e per voi stessi è: "Cosa non è permesso?".

Quarta domanda. Quando è emersa l'idea di tolleranza, molti sempliciotti pensavano che si trattasse della necessità di accettare persone di altre religioni e nazioni senza conflitti. Nell'affrontare questo problema, l'idea di tolleranza NON SOLO ha fallito, ma ha esacerbato i conflitti interetnici e interreligiosi sia nell'UE che negli USA. Ma questa idea, nascondendosi dietro le relazioni interetniche, ha tranquillamente trasformato il matrimonio omosessuale, l'eutanasia e gli avatar da fenomeni condannabili in SEGNI DI PROGRESSO E MODERNITÀ. La tolleranza per l'imminente sostituzione degli organi umani con i loro analoghi tecnici si forma con la propaganda di innocue invasioni del corpo umano con tatuaggi, l'impianto di parti metalliche in tutte le parti del corpo, operazioni plastiche DAVVERO INUTILI, l'inseminazione artificiale, equiparandolo agli animali e all'allevamento. Tolleranza significa tollerare assolutamente tutto ciò che accadrà all'uomo e al suo comportamento. Ora è importante capire i limiti di tolleranza degli 'insegnanti' di tutti i livelli che lavorano con un paziente che, secondo loro, ha bisogno di aiuto, ma spesso agiscono essi stessi come un retrogrado, andando contro i cambiamenti imposti.

La teoria e la pratica della Nuova Conoscenza, secondo me, affrontano QUATTRO DOMANDE e SFIDE assolutamente NUOVE: comprendere la nuova vita, la nuova persona, il suo posto nella vita. Prima la globalizzazione, poi la post-globalizzazione e la loro attuale auto-ingegneria cercano ancora di sostituire la vera psicologia con la formazione socio-psicologica, la programmazione neuro-linguistica, la psicofarmacologia, e presto con la stimolazione diretta a distanza5 del cervello umano, senza nemmeno sapere cosa sia il CERVELLO. Come dobbiamo comportarci noi, quelli che hanno preso la strada della conoscenza e quelli che non l'hanno ancora fatta, ma dentro di sé capiscono che non è più possibile vivere così? C'è una via d'uscita e una soluzione? Penso che CERTAMENTE CI SIA una via d'uscita dalla situazione che si è creata; dovete capire chiaramente che è iniziato un nuovo processo di ri-creazione dell'armonia con la sostanza dello stato della Mente Superiore, che si basa su principi totalmente diversi di costruzione della gestione e di accompagnamento delle informazioni, e anche sulle ottave più alte di un Cervello diverso. Non importa cosa sta succedendo nella vita esterna dell'uomo, nella vita interna egli manterrà la sua eterna costante naturale - la ricerca della felicità. E nello spianare la strada alla felicità di un uomo che ha subito un trauma mentale da un enorme flusso di informazioni, che lo ha reso infelice oggi, niente e nessuno può sostituire il suo impegno per sapere il nuovo, lo sforzo per la Nuova Conoscenza. Basta confrontare le possibilità di felicità del cyber-uomo e dell'uomo "per tutti i tempi" per non perdere l'ottimismo, e ignorare la pressione residua dei cambiamenti esterni automatizzati post-globali nella ricerca della conoscenza.

Il punto più debole del periodo di transizione per la stragrande maggioranza delle persone è l'ignoranza coloro che si prendono la briga di spiegare cosa sta succedendo, ma non capiscono il FENOMENO della FELICITA': l'esperienza di pienezza dell'essere, associata all'autorealizzazione. L'uomo è perfettamente felice se sono auto-realizzano tutte le sue funzioni psichiche superiori . Per esempio, per essere felice, il suo pensiero, la sua volontà, l'esperienza sotto forma di riconoscimento, accettazione, applicazione delle sue conoscenze e realizzazioni nella vita professionale, pubblica, personale, deve essere auto-realizzata. Un uomo è felice quando i prodotti della sua mente, della sua volontà, del suo carattere sotto forma di invenzioni, opere, realizzazioni nel lavoro, nelle relazioni personali diventano un valore d'uso: vengono comprati, accettati come regalo, vengono usati, vengono apprezzati, ecc. Un uomo è felice quando è compreso, accettato, riconosciuto.

Ma una persona è infelice se, per ragioni interne o esterne, alcune delle sue funzioni mentali superiori non sono auto-realizzate. Le ragioni interne sono o la mancanza di contenuti per autorealizzarsi (non è istruito, non è educato, non è abile, non è attivo), o ci sono barriere psicologiche interne all'autorealizzazione: timidezza, modestia, comportamento inadeguato. Le cause esterne sono il rifiuto sociale della persona autorealizzata sotto forma, per esempio, di rifiuto del lavoro, della pubblicazione, dell'amore, ecc. Oppure è un divieto assoluto di tale auto-realizzazione sotto forma di reclusione, esilio, ecc. La società, a seconda dei suoi obiettivi, facilita o ostacola l'auto-realizzazione delle proprietà individuali di una persona ( neurodinamiche, il sesso, l'età, la costituzione), delle proprietà soggettive (volontà, modo di pensare, affetto, percezione), delle sue proprietà personali (orientamento, abilità, temperamento, carattere), delle proprietà della sua individualità (esperienza, storia individuale, produttività, caratteristiche) (vedi la schema seguente).

9

Una descrizione macro-strutturale degli "intermediari" politico-psicologici tra la psicologia umana e la politica

Una persona che è stata traumatizzata psicologicamente andrà sicuramente alla ricerca di qualcuno con CUI CONDIVIDERE e da cui ricevere sia consigli che aiuti (anche se verbali), che gli permettano di orientarsi e capire cosa gli sta succedendo. La felicità fa il ruolo di un accumulatore che "dà una scintilla" per l'attività, l'impegno, il lavoro, il compito. Solo l'umore della felicità fornisce ciò che gli psicologi chiamano " rialzamento delle forze vitali e creative". I momenti della felicità, anche se sono brevi e rari, "caricano un accumulatore psicologico" aumentando la propria vitalità. Pensateci, leggendo questo, siete pronti di essere "salvatori"? Vi rendete conto che la felicità è un'esperienza sfuggente che non può essere raggiunta con nessuna delle conquiste scientifiche e tecnologiche di oggi. in questo periodo di transizione più difficile? A discutere e a non percepirla saranno coloro che NON hanno raggiunto la felicità, non l'hanno sperimentata, e quindi ne negano l'esistenza. Non l'hanno raggiunta perché la felicità può essere sperimentata solo nel momento della massima tensione di TUTTO IL POSSIBILE DELL'UOMO: nel lavoro, nella battaglia, nella ricerca della verità, nella vita intima. Non tutte le persone sono capaci e disposte ad espletare sforzi psichici supremi, e tali persone affermano che la felicità non esiste. Le conquiste scientifiche e tecnologiche "allevate" in questo periodo di transizione (purtroppo) suggeriscono una via tecnica più breve, a basso costo, verso la felicità umana. Molte persone ci sono cascate, essendo partite alla ricerca della felicità in uno spazio virtuale in rete. L'errore è CHE LA FELICITÀ NON può essere a basso costo: è possibile solo quando una persona ha un oggetto reale, che si può toccare con mano, sentire il suo odore e calore, il suono della sua voce, e per il quale si è pronti per uno sforzo esorbitante mentale, muscolare, di volontà, di pazienza.

Coloro che evitano le tensioni estreme come inaccettabili per loro, non sperimenteranno mai la PERCEZIONE DI FELICITA'. Inoltre, un lato di felicità è la volontà di soffrire, il che è del tutto contrario alla comprensione perversa di essa come "provare la massima soddisfazione per qualsiasi cosa" - imputata a noi. Solo un uomo felice è pronto a sacrificare la sua vita, a sopportare un dolore insopportabile, a rinunciare a ogni piacere per amore della sorgente della sua felicità. Tutte le scoperte, tutte le gesta sono state fatte da persone felici: Jan Hus e Giordano Bruno sono andati al rogo per la verità che avevano scoperto. I genitori rinunciavano alla loro vita per difendere i loro figli. Gli esempi sono numerosi. E' quello che intendeva Turgenev quando scrisse: "Vuoi essere felice? Prima impara a soffrire. LA FELICITÀ NON PUÒ ESSERE PER SÈ - è un oggetto da trasmettere, non ha l'altro scopo. Una persona è felice solo quando "trasmette" la sua esperienza di felicità a un'altra persona. Una persona felice soffre sempre quando l'altra persona NON PUÒ CONDIVIDERE con lei il piacere di un paesaggio straordinario, l'altezza del volo, la vista delle profondità dell'oceano, la penetrazione nel mistero della natura, la gioia di vincere un duello. Una persona che prova piacere da qualcosa lo perde immediatamente, se non cerca di condividerlo con gli altri. Il poeta M. Svetlov disse: "E se non la gioia e la felicità, cosa darò alla gente?

Si sa che la felicità trasformata in piacere perde il suo significato e il suo potere. La felicità appare sempre non perché la si cerca, ma perché è un "pagamento" naturale per lo sforzo estremo per il bene di qualcuno. Ma il piacere è la felicità degli sciocchi. l'idea di Spinoza è che la felicità non è una ricompensa per la bontà, ma la bontà stessa.

Per noi che abbiamo intrapreso il cammino della conoscenza, la felicità è un indicatore integrale dello stato effettivo dell'uomo, che è formato da quattro esperienze differenziali: a) un individuo, quando sperimenta l'amore; b) un soggetto, quando crea valore d'uso con il suo lavoro; c) una persona, quando possiede la fede nella verità della sua strategia di vita; d) individualità, quando possiede la speranza, che ha sviluppato nella sua ricerca intellettuale. Così i "maestri" di oggi manipolano attraverso le loro politiche NON DIRETTAMENTE l'esperienza della felicità, ma indirettamente, infondendo l'amore o l'odio (un indicatore generalizzato dell'auto-realizzazione dell'individuo), attraverso la possibilità di lavorare o non lavorare (un indicatore generalizzato dell'auto-realizzazione del soggetto), attraverso il rafforzamento della fede nell'uomo e nella società o la sua distruzione (indicatore generalizzato di autorealizzazione individuale), attraverso la formazione della speranza di un futuro migliore o la sua distruzione (indicatore generalizzato di autorealizzazione individuale).

Raggiungere la felicità attraverso la comprensione e l'esperienza personale che deriva dalla comprensione è strutturare lo spazio psicologico interno di una persona, che la rende INDIPENDENTE E LIBERA da qualsiasi deformazione dello spazio psicologico esterno che ci circonda oggi, o da un regime politico diverso. Essendo felice, una persona rimarrà adeguata e adattabile a qualsiasi influenza esterna senza ricorrere a difese come l'alcol, la droga, il crimine o l'odio. Dopo tanti anni della mia vita ho avuto la fortuna di conoscere persone che sono passate attraverso il fuoco delle rivoluzioni, delle guerre, delle repressioni, della fame, dei tradimenti, ma NON HANNO PERSO l'adeguatezza, l'adattabilità e l'ottimismo, perché SAPEVANO ESSERE FELICI, sapevano vivere. Hanno dimostrato con la loro vita che la felicità non dipende dalle condizioni di vita, dalla comodità, persino dalla sicurezza, dalla prosperità materiale. Saper vivere è saper essere felici. Ma molte persone hanno bisogno di aiuto lungo la strada. Aiuto da coloro che hanno le risposte alle quattro domande a cui ho cercato di trovare risposte in questo articolo


 

 

1 Roger Walsh è uno scienziato australiano-americano, giornalista, autore di libri sulla psicologia transpersonale, le pratiche spirituali orientali e lo sciamanesimo.

2 Naomi Klein - giornalista, scrittrice e sociologa canadese, uno dei leader intellettuali dell'alterglobalismo e una critica del capitalismo neoliberale.

3 Thomas Friedman è uno degli apologeti della globalizzazione, un politologo americano. Lo descrive come una strada molto attraente, potenziante e incredibilmente seducente che porta a livelli di vita più alti. La globalizzazione è attraente per tutte le classi sociali, prima di tutto dal punto di vista materiale e politicamente significa l'espansione dei principi della democrazia liberale in tutto il mondo. Il processo di globalizzazione secondo Friedman non si può fermare.

4 Isidore Marie Auguste François Xavier Comte è stato un sociologo e filosofo francese. Creatore del positivismo. Fondatore della sociologia come scienza indipendente.

5 Distante - agire a distanza, senza contatto.

© 2016-2021 Shkrudnev Fedor